Addestramento cani a roma, direttamente a domicilio

Consulenza pre-adozione

Molti proprietari spesso commettono l'errore di scegliere un cane in base ai propri gusti estetici o alla moda del momento, senza sapere che le razze canine, selezionate nei secoli, hanno caratteristiche intrinseche diverse l'una dall'altra.

Ignorando questi fattori che sono fondamentali per una scelta consapevole, si rischia di scegliere un cane che per sue esigenze psico-fisiche non si addice allo stile di vita del proprietario.

Ogni razza ha sue attitudini innate e all'interno di una razza ogni cucciolo ha sue caratteristiche individuali; a volte questi fattori, se ignorati prima dell'adozione, possono poi sorprendere il proprietario in maniera poco piacevole.

Educazione cuccioli

La vita di ogni cane attraversa fasi di crescita ben distinte. Quella per me più importante nello sviluppo dell'equilibrio di un cane è la socializzazione.

Si tratta di un periodo relativamente breve in cui il cucciolo impara ad inserirsi nel branco o nell’ambiente umano. Attraverso il gioco saranno forniti al piccolo una serie di stimoli mentali di varia natura… sonoro, visivo, tattile e olfattivo.

Insegneremo a tutta la famiglia ad interagire con il cucciolo in base alle risposte ottenute, nel modo migliore e più adatto al suo carattere. Ogni lezione prevede esercizi di gestione e obbedienza, tutti propedeutici alla futura educazione base del cucciolo.

Questo percorso potrà prevenire possibili problemi comportamentali durante la crescita e favorire un facile e sicuro inserimento del nuovo arrivato all’interno del nucleo famigliare.

Educazione di base

Il cane ha capacità cognitive e sociali straordinarie, che lo rendono perfettamente in grado di adattarsi al nostro modo di comunicare e al nostro stile di vita sempre meno "naturale". Tuttavia dobbiamo considerare che può non essere così facile per un cane vivere in città trafficate e piene di stimoli, con poco verde e spazi ristretti in cui convivono tanti altri esseri umani e tanti altri cani. Il nostro compito è quindi quello di "educarli", cioè abituarli, fin da piccoli se è possibile, a convivere in maniera serena con il nostro ritmo di vita e con le regole del “nostro” mondo (ben diverse dalle loro), cercando però il più possibile di capire e rispettarne i bisogni, gli istinti e le emozioni.

 

Se abbiamo un cane "disobbiedente" probabilmente

 

abbiamo fatto un errore durante questo processo di "educazione" o non stiamo rispettando e soddisfando adeguatamente i suoi bisogni, oppure si tratta semplicemente di una incomprensione, di un "errore" di comunicazione (e questo capita di frequente) che mina il rapporto di fiducia tra il cane e il suo compagno umano.

 

Niente paura! Per fortuna non è mai troppo tardi per rimediare!

Educazione urbana

L’addestramento in tal senso deve sempre garantire il benessere psico-fisico del cane esaltandone qualità come l’equilibrio, la docilità e la capacità di socializzazione intra ed inter - specifica. A maggior ragione l’educazione urbana consente a chiunque possieda uno o più cani, di affrontare serenamente molteplici situazioni di difficoltà che si possono presentare durante le passeggiate in città, nei parchi pubblici o nelle aree cani attrezzate.

Vanno quindi favoriti tutti quei luoghi in cui il cane può apprendere il modo migliore di relazionarsi con i suoi simili, con passanti, persone estranee o ambienti non sempre piacevoli. Ogni proprietario potrà imparare a conoscere il comportamento e la reattività del proprio cane,

dando prova di pieno controllo dello stesso.Il percorso formativo prevede una base standard di addestramento, sia per cuccioli che per cani adulti, da integrare con “passeggiate formative” in zone urbane ad alta densità di frequentazione.

Problemi comportamentali

Capita spesso che i cani abbiano dei comportamenti che risultano fastidiosi o poco graditi al proprietario. Queste manifestazioni possono avere origini diverse e generalmente si tratta di semplici problemi causati dall’errata gestione del cane (esempio: il cane abbaia per ricevere attenzione, salta addosso per fare le feste, mordicchia le mani per gioco ecc.).

 

In altri casi, invece, (definiti appunto "problemi comportamentali") la causa scatenante è un forte stress emotivo e psicologico, un profondo disagio del cane. In queste situazioni, se non si interviene tempestivamente (tramite una figura professionale che sia in grado di

gestirle), le ripercussioni sullo stato psicologico e di salute  dell'animale saranno serissime (automutilazioni, totale apatia, malattie ed infezioni da stress cronico, etc.).

 

Ecco alcuni dei più comuni casi:

 

  • Ansie (cane che col suo comportamento esprime uno stato emotivo di costante allarme apparentemente non motivato; l'animale è spesso in allerta o in preda ad agitazione);

  • Fobie (paure focalizzate su un particolare evento es: ”temporale”, oppure paure generalizzate, es: ”paura di tutto in strada” ecc.);

  • Aggressività (cane propenso ad attaccare altri cani, altri animali, persone, componenti famigliari);

  • Distruttività (cane che mastica e distrugge arredamento, porte, oggetti di varia natura ecc.);

  • Iperattività (cane sempre in allerta e in movimento, con scarsissima capacità di rilassamento e di concentrazione);

  • Ansia da separazione (incapacità di gestire positivamente la solitudine, anche solo per brevi periodi; es: cane che piange insistentemente, abbaia, distrugge o "sporca" inappropriatamente se viene lasciato solo);

  • Stereotipia (disturbo psicomotorio che si manifesta nella ripetizione uniforme e senza alcuno scopo utile di determinati comportamenti, atteggiamenti o azioni; es: cane che si rincorre la coda, che si lecca o morde ossessivamente alcune parti del corpo, ecc.).

ADDESTRATORE

CINOFILO

  • Facebook Social Icon
  • Google+ Social Icon